Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie approfondisci

La “Storia Abbandonata”. Il degrado al Castellaccio

Il Castellaccio Il Castellaccio foto da www.compagniadellastella.it

Anche questo sabato non ci resta che raccontare una delle storie più tristi che purtroppo la nostra città ha nelle sue caratteristiche, il degrado e l'abbandono delle strutture storiche. Veri gioielli che, purtroppo, amministratori e cittadini non riconoscono come propri.

A tal proposito, riprendiamo l'articolo pubblicato da Riccardo D'Andrea sulla Gazzetta del Sud che rende noti ai Messinesi quanto rilevato a Forte Castellaccio da un sopralluogo dagli agenti del Nucleo decoro della polizia municipale, coordinati dal commissario Biagio Santagati.

da la Gazzetta del Sud Online 29/06/2013

Nell’ottobre 2012 si intravedeva una luce in fondo al tunnel. Il progetto di riqualificazione del Forte Castellaccio, presentato dalla Soprintendenza ai beni culturali e ambientali, era stato ammesso a finanziamento. Ottima notizia che faceva presagire il meglio.

Invece, come spesso accade, è calato il silenzio. Il tempo è volato via inesorabilmente e la struttura è piombata in uno stato di abbandono senza precedenti. A spargere sale grosso su ferite già aperte ci hanno pensato i vandali, protagonisti di scorribande nelle aree di Gravitelli. Così, gli incivili hanno scardinato il cancello d’ingresso, imbrattato i muri con bombolette spray, danneggiato pareti, infissi e controsoffitti.

Non solo: in base a quanto accertato ieri mattina dagli agenti del Nucleo decoro della polizia municipale, coordinati dal commissario Biagio Santagati, il Forte Castellaccio è ridotto in condizioni pietose e soggetto a continue visite indesiderate, anche da parte di chi pratica i cosiddetti “giochi di ruolo”.

Nel corso della perlustrazione, disposta dal comandante del Corpo Calogero Ferlisi, sono stati trovati su alcuni muri segni di vernice “sparata” da particolari armi. Ciò significa che ignoti si sono introdotti in questi spazi per praticare una sorta di battaglia il cui è obiettivo è eliminare l’avversario centrandolo appunto con vernice colorata. Tutto ciò in barba alla storia della fortificazione, che meriterebbe invece ben altro trattamento e, soprattutto, una radicale opera di restyling per riabbracciare l’antico splendore.

Inoltre, sembra lontano anni luce il 15 ottobre 2012, giorno in cui alcuni ospiti, su iniziativa della sezione messinese dell’Istituto italiano dei castelli, hanno avuto il piacere di visitare quello che è considerato il contraltare della Real Cittadella. Una passeggiata nell’immenso parco, che potrebbe rappresentare un fiore all’occhiello della città, assieme alle antiche strutture fortificate e a tutte le altre costruzioni sorte nel corso dei decenni, in particolare da quando padre Nino ha fondato in quest’area la “Città del Ragazzo” di Gravitelli e ha tentato di rimettere in sesto il più antico Forte dello Stretto.

di Riccardo D'Andrea

Potrebbero interessarti...

  • I Forti dello Stretto nella rete euro-mediterranea per la valorizzazione del patrimonio fortificato

    L'ingresso dei Forti Umbertini Messinesi nella rete internazionale Forti che Uniscono – FARO per i Forti” non può che favorirne il recupero attraverso lo studio, progetti e programmi atti a garantirne una fruizione efficace, istruttiva, costante.

  • Real Cittadella. Quando la città perde la sua storia

    Ogni anno, in questo giorno, si ricorda una delle strutture fortificate più imponenti e importanti della nostra città. Gli anniversari sono di solito momenti di gioia nel ricordo di qualcosa che "ha fatto storia", ma purtroppo oggi è un giorno triste perchè ciò che si festeggia desta in condizioni pietose.

    La Real Cittadella è una fortezza del XVII secolo posta a difesa del porto di Messina. Sorge sulla Penisola di San Raineri dalla caratteristica forma a falce che chiude il porto naturale di Messina, proteggendolo verso il mare aperto. La fortezza fu costruita dagli spagnoli dal 1680 al 1686, dopo la sanguinosa rivolta del 1674. L'imponente struttura ha una forma stellare (pentagonale), con cinque bastioni angolari, tipica dell'evoluzione seicentesca alle fortificazioni moderne. La struttura difensiva era poi completata da rivellini ed altre numerose opere esterne (per saperne di più, vai nella nostra area dedicata alla Real Cittadella).

    In basso, il video di Tempostretto.it che, con il contributo di Riccobono, ci mostra la situazione ignobile della struttura.

Notizie dai Forti Messinesi

Eventi ai Forti di Messina

Fortificazioni Messinesi

You are here:   HomeEventi & Notizie dai FortiNotizie dai FortiLa “Storia Abbandonata”. Il degrado al Castellaccio

Contatti

Sito Web: www.messinafortificata.it

Puoi scriverci utilizzando il  Modulo Contatti o inviandoci una mail all'indirizzo: messinafortificata[@]hotmail.it
----------------------------------------------------------
Seo & Ottimizzazione by BlogJoomla.it
Sito realizzato dalla T'WA di Messina

 

Cos'è Messina Fortificata

Messina Fortificata vuole essere punto di incontro per chiunque sia interessato alla bellezze militari della nostra città ed allo sfruttamento culturale e ricreativo delle strutture.

Continua a leggere...