Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie approfondisci

Forte Masotto

Il forte Masotto è la più vecchia opera Messinese del periodo umbertino.

A Messina è seconda per dimensioni soltanto ad altre fortificazioni che appartengono ad anni precedenti. Da evidenziare l’incredibile e spettacolare panorama che offre il luogo in cui sorge e che spazia da nord ovest a sud est, dalle isole Eolie fino a capo di Pellaro in Calabria, da Punta Faro e tutto lo stretto di Messina.

 

La batteria Masotto è una vera fortezza, in quanto si distingue per dimensioni da tutte le opere Umbertine. La struttura adibita principalmente a polveriera (suo nome originario) fu palcoscenico di una grave evento. Una tremenda esplosione uccise più di 20 soldati colti dall’ improvvisa deflagrazione. Le vittime dell'immane tragedia  sono ricordate da un monumento che si trova all’interno del cimitero monumentale di Messina.

Forte Masotto sorge a nord della città sul territorio di Curcuraci (sembra che il termine curcuraci derivi dall’arabo Kurkur: aci, cioè territorio fortificato), panoramico villaggio collinare situato tra i villaggi di Faro Superiore, le Masse, Castanea. Nella stessa area, e comunque poco distanti tra loro, si possono ammirare diverse strutture fortificate di tre epoche storiche diverse, e di diverse dimensioni e funzione.

Vi sono infatti ben 3 batterie Umbertine di fine 800 (Minaia/Crispi, Serra la croce e Polveriera/Masotto) ed un’area fortificata, l’antico Campo Inglese edificato agli inizi dell’ 800 e soppiantato dall’attuale deposito munizioni dell’Esercito. Nella zona circostante si possono notare 18 bunker o casematte di varie tipologie.

Forte Masotto è senza dubbio molto grande rispetto alle altre strutture. La sua superficie è stimabile in pocopiù di 4000 mq, mentre l’altezza equivale a quella di un palazzo di 4 piani.

Tali dimensioni sono assolutamente imparagonabili con le altre batterie Umbertine, molte delle quali non ne raggiungono nemmeno la metà.

Quest’opera ha subito nel tempo lavori di ristrutturazione sia esterni che interni, infatti all’interno dei piani nel fossato si può ancora notare l’impianto di aerazione moderno, all’esterno è ancora visibile la più recente griglia metallica parafulmine.

La batteria Masotto si distingue anche per una serie di caratteristiche. La prima rigurada gli ingressi, infatti, possiede due ingressi contro l’unico delle normali batterie Umbertine.

La batteria è composta da 3 livelli principali a scaloni, tra i quali si inseriscono altri piani intermedi collegati tra di essi. E' possibile salire o scendere a piacimento attraverso scale e cunicoli che permettono di girare liberamente all’interno della fortezza. I piani interni sono collegati tramite diverse scale e tunnel con i piani superiori.

La batteria Masotto, per numero di obici, è la più munita in assoluto.

Potrebbero interessarti...

  • “Messina nel ‘900” Apre un nuovo percorso museale dedicato alla storia della città dello stretto

    L'interesse verso la storia recente della nostra città, e la voglia di far conoscere eventi passati con l'ausilio di reperti storici, immagini, iconografie e filmati, il prossimo 20 maggio, fa un grande balzo in avanti con l’inaugurazione delle mostre permanenti realizzate al Museo “Messina nel ‘900” allestino nell’ex “Ricevero-Bunker Antiaereo Cappellini”. Il Museo del 900 Messinese si trova nella parte alta del Viale Boccetta ed è diretto da Angelo Caristi.
    Le due mostre permanenti, dal titolo “Difesa dello Stretto – dai castelli alle fortificazioni umbertine” e “Iconografie e propaganda della I Guerra Mondiale”, rappresentano attraverso una raccolta di cimeli storici, uno studio di conservazione della memoria collettiva il cui fine è di portare avanti un progetto unico che possa rivelarsi utile a tutta la città.

  • Eroica difesa della Real Cittadella. Messina ricorda il 153° anniversario

    La città di Messina ricorda sabato 15 e domenica 16 Marzo il 153° anniversario della Eroica difesa della Real Cittadella, la struttura fortificata che insieme al Forte San Salvatore serviva da autentico baluardo difensivo della città dello stretto.

Notizie dai Forti Messinesi

Eventi ai Forti di Messina

Informazioni Aggiuntive

Derivazione del nome: da Umberto Masotto, capitano d'artiglieria. Il nome originario era "Polveriera"

Anno di Costruzione: attorno al 1890

Ubicazione: Curcuraci

s.l.m: 415 metri

Orientamento: 100° Est

Distanza dalla costa: 2750 metri circa

Settore di controllo: Estremità settentrionale dello stretto

Armamento: 10 postazioni obice

Fossato: Si

Ingressi: due

Stato di Conservazione: Ottimo

Uso odierno: E' chiuso al pubblico

Gestione: Demanio

 

Altri Forti Messinesi

You are here:   HomeForti UmbertiniBatterie UmbertineForte Masotto

Contatti

Sito Web: www.messinafortificata.it

Puoi scriverci utilizzando il  Modulo Contatti o inviandoci una mail all'indirizzo: messinafortificata[@]hotmail.it
----------------------------------------------------------
Seo & Ottimizzazione by BlogJoomla.it
Sito realizzato dalla T'WA di Messina
PI:03100660830

 

Cos'è Messina Fortificata

Messina Fortificata vuole essere punto di incontro per chiunque sia interessato alla bellezze militari della nostra città ed allo sfruttamento culturale e ricreativo delle strutture.

Continua a leggere...