Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie approfondisci

I Nebrodi posso ambire a diventare “Patrimonio dell'Umanità”. Ecco perchè

Monti Nebrodi - Lago Cartolari Monti Nebrodi - Lago Cartolari foto dal sito de Associazione Micologica Bresadola - Gruppo di Messina

I Nebrodi: risorsa economica del territorio e patrimonio dell’umanità” è stato il tema del convegno organizzato dal comune di Troina (EN), in occasione del 50° anniversario dell’istituzione dell’azienda speciale silvo-pastorale, e coordinato dal giornalista Silvano Privitera.

Il sindaco del Comune Ennese, Fabio Venezia, nel rivolgere i saluti agli intervenuti, ha messo in risalto il ruolo che potranno avere i Nebrodi nel progetto di sviluppo sostenibile che in comune di Troina intende perseguire con gli altri comuni nebrodensi.

Giuseppe Giaimi, dirigente dell’azienda foreste demaniali, ha detto che i Nebrodi, dal punto di vista scientifico, sono di straordinaria importanza perché dalla costa del mare fino alle cime dei monti si passa attraverso la successione continua di tutte le fasi forestali e per la presenza di acqua che si concretizza in laghetti che si trovano a quota 1800 metri sul livello del mare.

Franco Amata, docente di storia dell’agricoltura, ha parlato dello stretto rapporto fra Troina e i boschi dei Nebrodi su cui i troinesi hanno esercitato i diritti di uso civico nel corso della storia. Oltre a quello economico c’è anche l’aspetto laico devozionale nel rapporto dei troinesi con i boschi, che si coglie nei pellegrinaggi votivi in onore di san Silvestro: si riverisce il santo patrono del paese e nello stesso tempo si ringrazia il bosco.

Paolo Giansiracusa, docente di storia dell’arte, ha messo in risalto il bisogno di far capire a un esperto di emergenze che il territorio dei Nebrodi con i suoi 24 comuni costituisce un patrimonio naturalistico e culturale meritevole di essere inserito nella lista dell’Unesco del patrimonio mondiale dell’umanità perché, dal punto di vista storico-artistico, è un museo all’aperto.

Basilio Arona, storico delle tradizioni locali, ha messo in risalto le caratteristiche dei pellegrinaggi che si svolgono sui Nebrodi e i segni lasciati sulle tradizioni religiose polari nebrodensi dal monachesimo italo-greco, che ha prodotto 4 santi: Silvestro, Lorenzo, Cono e Nicolò Politi. I Nebrodi possono diventare una meta del turismo religioso.

Ha chiuso il convegno l’ambasciatore e delegato permanente di Malta presso l’Unesco, Raymond Bondin, che ha parlato delle caratteristiche che deve avere un sito per candidarsi all’inserimento nella lista: l’autenticità, l’integrità e l‘esprit de lieue (lo spirito del luogo).
Bondin ha aggiunto che la candidatura è più convincente, e quindi ha maggiori probabilità di superare l’esame al quale la sottopone l’Unesco, se i soggetti che la propongono ci credono seriamente. “Qui c’è una foresta, che è nello stesso tempo un parco naturale e un paesaggio culturale, con la quale i paesi nebrodensi sono in vivo contatto”, ha dichiarato Bondin. Troina, che ha inoltre ha una storia millenaria da raccontare, è legata alla storia dei normanni in Sicilia.

Nella lista del patrimonio mondiale dell’umanità il periodo normanno non è rappresentato adeguatamente.

Concludendo il suo intervento, Bondin ha detto: “Siamo ancora all’inizio del percorso, che è molto lungo, da intraprendere per l’inserimento dei Nebrodi nella World Heritage List dell’Unesco, ma sono convinto che i Nebrodi siano un buon candidato”.

da forestalinews.it

Potrebbero interessarti...

Notizie dai Forti Messinesi

Eventi ai Forti di Messina

Fortificazioni Messinesi

Bunker di Messina

  • Acqualadroni
    Il FORTINO ACQUALADRONI si trova ad un altitudine di 25 metri ed ha quattro aperture. Impiegato per l'osservazione costiera risulta in ottimo stato e facilmente raggiungibile (su terreno privato) dal torrente che sfocia a Acqualadroni.
    in Bunker dello Stretto
  • Portella Castanea
    Il bunker in Portella Castanea, ancora in buono stato, si trova ad un altitudine di 450 metri sul livello del mare.
    in Bunker dello Stretto
  • Portella Arena
    Il Bunker di Portella Arena si trova ad un altitudine di 400-405 metri, ha 3 aperture, e ai tempi grazie a due camere di sparo indipendenti ed orientati in direzione opposta copriva un buon angolo di tiro.
    in Bunker dello Stretto
  • I Bunker Messinesi
    Recarsi in zone ed aree che durante i conflitti sono stati campi di battaglia o particolari punti di osservazione e difesa, ci si imbatte spesso in originali opere di varie dimensioni e forme costruiti in calcestruzzo sia semplice che armato, ma anche composti da cupole blindate o caverna, con mura…
    in Bunker dello Stretto
  • Massa San Giorgio
    Struttura che si trova a Massa San Giorgio (355 metri sul livello del mare), anch'esso ipogeo con postazioni per cannone controcarro e arma automatica. Si trova in proprietà privata.
    in Bunker dello Stretto
  • Tono
    Il Bunker di Tono si trova a soli 4 metri dal livello del mare. Infatti, serviva per l'osservazione costiera. E' tra le poche strutture del Messinese del tipo a toppa di chiave.
    in Bunker dello Stretto
  • Castanea
    Il Bunker CASTANEA DELLE FURIE situato ad un'altezza dal mare di 450 metri si trova a in località Castanea ed è composto da due opere. Il suo stato è ottimo in quanto, trovandosi su proprietà privato è stato riadattato ad uso civile dai possessori.
    in Bunker dello Stretto
  • Il fronte difensivo messinese in numeri
    Numero approssimativo delle opere permanenti 1935–1943 individuate a Messina Bunker di varia tipologia e dimensioni 36 Postazioni controcarro protette 3 Postazioni controcarro in barbetta 5 Telegoniometri o osservatori di batteria costiera 5 Postazioni circolari a pozzo in barbetta (Tobruk) 4 Batterie contraeree (1 doppiocompito) 2 Batterie antinave + una postazione…
    in Bunker dello Stretto
  • San Saba
    Il Bunker di San Saba si trova a Calamona e, come quello di acqualadrone, si occupava principalmente di controllare il tirreno. Si trova ad un altitudine di 65/75 metri sul livello del mare. La sub struttura superiore è in ottimo stato (aveva 3 cannoniere) mentre di quella più bassa rimane…
    in Bunker dello Stretto
You are here:   HomeNotizie di MessinaI Nebrodi posso ambire a diventare “Patrimonio dell'Umanità”. Ecco perchè

Contatti

Sito Web: www.messinafortificata.it

Puoi scriverci utilizzando il  Modulo Contatti o inviandoci una mail all'indirizzo: messinafortificata[@]hotmail.it
----------------------------------------------------------
Seo & Ottimizzazione by BlogJoomla.it
Sito realizzato dalla T'WA di Messina
PI:03100660830

 

Cos'è Messina Fortificata

Messina Fortificata vuole essere punto di incontro per chiunque sia interessato alla bellezze militari della nostra città ed allo sfruttamento culturale e ricreativo delle strutture.

Continua a leggere...